fbpx
Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di Lettura: 5 minuti

Dopo l’ultimo atto, quello più inutile eppure da molti il più atteso, la premiazione, superata in quanto a sterilità solo dalle immancabili polemiche che le fanno seguito, si spengono i riflettori su Venezia 76. Sembrerebbe ovvio ricordare che l’oggettività è un elemento impossibile da pretendere da giurati chiamati a esprimere il verdetto di un concorso artistico, quando poi a formulare i responsi sono addetti ai lavori che di quel mondo fanno parte le logiche si fanno talvolta oscure e imperscrutabili.

Per dovere di cronaca, riportiamo che la giuria ha premiato Joker di Todd Phillips, mentre il secondo premio è andato al Jaccuse di Polanski.

Il primo, a parere di chi scrive, è “semplicemente” un buon film, non privo di limiti, il secondo è invece un’opera molto più importante e solida. Fuori dal palmares rimangono i nostri favoriti, Ema, del cileno Pablo Larraìn, e il sorprendente Babyteeth, della regista australiana Shannon Murphy, al suo lungometraggio d’esordio. Un piccolo gioiello, quest’ultimo, da molti erroneamente e colpevolmente scambiato per un semplice teen drama, è invece un testo esemplare e potentissimo sulla complessità delle relazioni, sul desiderio e sulla disarmonia affettiva che attraversa i legami familiari.

Il film racconta di Milla, ragazzina quindicenne nella cui vita irrompe Moses, ventenne sbandato. Lei è gravemente malata, lui tossicodipendente, provengono entrambi da famiglie borghesi problematiche: la madre di Milla (la bravissima Essie Davis, già vista in The Babadook), per affrontare la malattia della figlia, si riempie di ansiolitici e oppiacei forniti dal marito Henry, psicologo fragile e smarrito. La madre di Moses ha messo il figlio fuori di casa e vive con il fratellino minore Isaac, mentre del padre non si sa nulla. Milla, i suoi genitori e Moses finiranno per creare un surreale nucleo familiare in grado di raggiungere un effimero quanto inspiegabile equilibrio. Con uno stile leggero, fresco e potente, che evita miracolosamente il patetico, e una direzione d’attori superba, la Murphy ha indubbiamente confezionato uno dei film più belli del concorso.

Durante la cerimonia di premiazione, il momento più intenso è stato la premiazione di Luca Marinelli, Coppa Volpi come miglior attore per Martin Eden.

Marinelli, infatti, ha dedicato il premio «a coloro che sono in mare a salvare altri esseri umani che fuggono e che ci evitano di fare una figura pessima con il prossimo», suscitando la prevedibile e incommentabile scia di polemiche social.

Martin Eden di Pietro Marcello è il film che ha aperto la seconda settimana della Mostra, che è stata nettamente sottotono rispetto alla prima parte. Salviamo solo The Laundromat, il saggio, didascalico e divertente, di finanza neoliberista di Soderbergh e l’epopea portoghese di A Herdade di Tiago Guedes. Le delusioni sono state tante e alcune di queste figurano nel palmares, come il manierato About Endlessness di Roy Anderson o il mediocre Gloria Mundi di Robert Guediguian, del quale è stata premiata la brava protagonista Ariane Ascaride. Decisamente fuori forma anche Olivier Assayas, con lo sgangherato Wasp Network e Ciro Guerra, con Waiting for the Barbarians. Velo pietoso sull’orrido The Painted Bird di Václav Marhoul.

Gli altri due film italiani in concorso hanno ben figurato, in particolare Il sindaco del rione Sanità di Mario Martone, una riuscita riduzione cinematografica del classico di De Filippo che lo stesso regista ha portato in giro per l’Italia nel 2017 con la compagnia teatrale Nest.

La mafia non è più quella di una volta, di Franco Maresco, racconta in parallelo due figure, quella di Letizia Battaglia, la fotografa ottantenne che con i suoi scatti ha raccontato le guerre di mafia, definita dal New York Times una delle “undici donne che hanno segnato il nostro tempo”, e quella di Ciccio Mira, già visto in Belluscone, organizzatore di feste di paese e portatore insano della mentalità di Cosa Nostra, con le sue più imprevedibili evoluzioni. Un film che ha il pregio, come ci si aspettava, di far discutere, ma che la consueta foga di Maresco fa incappare in una serie di ambiguità ideologiche irrisolte e nocive per il discorso complessivo, specialmente quelle un po’ forzate che chiamano in causa il presidente Mattarella.

Una selezione asimmetrica, quindi, che ha avuto un altro punto di debolezza nelle sezioni cosiddette collaterali, Orizzonti in particolare, non all’altezza di edizioni precedenti.

In questa sezione, una menzione particolare la meritano a nostro modo di vedere due film: l’opera prima di Carlo Sironi Sole, un film di un rigore sorprendente per un esordiente, un autore di cui sentiremo certamente parlare, e Atlantis, che si è aggiudicato il premio come miglior film di questa sezione, che è una sorta di distopico intimista sci-fi ucraino firmato da Valentyn Vasyanovych, film di grande spessore narrativo e visivo che proietta in un futuro prossimo e (quasi) senza speranza gli effetti del conflitto tra Russia e Ucraina.

Appuntamento al Lido il 2 Settembre 2020 per l’edizione numero 77. Ora spazio a una stagione di cinema che si preannuncia tra le più ricche degli ultimi tempi!

#VENEZIA76: un bilancio finale, con tanti flop eccellenti
3.7 (73.33%) 3 votes

“Louis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia..”

La newsletter di RumoriFuoriScena è gratuita. Breve. Scritta da amanti del cinema per amanti del cinema.

Iscriviti alla newsletter!

Vai alla barra degli strumenti