fbpx
Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di Lettura: 5 minuti

La Notte degli Oscar 2019 si avvicina (il 25 Febbraio) e non vogliamo trovarvi impreparati, anche in vista dello Speciale Concorso di RFS in cui, facendo le vostre previsioni sui vincitori, potrete vincere premi cinematografici imperdibili.

Partiamo oggi da un riepilogo dei titoli candidati come Miglior Film: precisiamo che si tratta di una classifica soggettiva, in cui metteremo in ordine di gradimento gli 8 candidati. Nell’articolo troverete:

  • Un voto della redazione di RFS da 1 a 10
  • Un breve commento, con il link per la recensione completa

Black Panther

Voto: 6/10

Un cinecomic candidato agli Oscar fa notizia già di per sè, e sorge il dubbio che Black Panther sia stato incluso nella lista più per farne un simbolo del rinnovamento dell’Academy che per effettivi meriti artistici. Visto da un non-amante del genere, il film offre un discreto intrattenimento (magari qualche minuto in meno?) ma ha soprattutto un’idea di sceneggiatura brillante alla base e un impianto visivo notevole.

A Star is Born

Voto: 6,5/10

 

Siamo rimasti sinceramente stupiti di vedere tanta attenzione data a un film piuttosto convenzionale, che non ha eccessi e si preoccupa di fare il compitino senza scontentare nessuno. Un remake che non avrebbe avuto alcun motivo di esistere se non fosse per Lady Gaga, una diva imperfetta che rende il film brillante, con alcune scene memorabili e difficili da replicare.

La recensione completa: http://www.rumorifuoriscena.tv/a-star-is-born/

Vice

Voto: 6,5/10

 

Vice è forse il film più riconoscibile dell’intera lista, nel senso che vedendolo si ha la chiara sensazione che sia una creatura del proprio regista, Adam McKay. Già ne La Grande Scommessa si era intuito il suo stile molto didascalico: parlare di argomenti complicati a un pubblico vasto, con qualche inframmezzo comico per tenere alta l’attenzione (Margot Robbie in vasca da bagno). Si aggiunge qui la grande interpretazione mimetica di Christian Bale, ma da qui a parlare di “film epocale” come ha fatto qualcuno…

La recensione completa: http://www.rumorifuoriscena.tv/vice-luomo-nellombra-governato-gli-stati-uniti-otto-anni/

 Bohemian Rhapsody

Voto: 7/10

Il “film del pubblico” per eccellenza, acclamato e adorato, capace di incassi da record e di rimanere in sala per lunghe settimane. La critica spesso lo ha bersagliato, forse non intuendone le potenzialità: il film va preso per quello che è, un omaggio riverente e quasi cartoonesco a un personaggio iconico. Intrattenimento di buon livello, con 20 minuti finali che valgono il prezzo del biglietto, senza prendersi necessariamente sul serio e con un Rami Malek scatenato e perfettamente in parte.

La recensione completa: http://www.rumorifuoriscena.tv/bohemian-rhapsody-il-film-sui-queen-con-rami-malek/

Un nostro approfondimento: http://www.rumorifuoriscena.tv/bohemian-rhapsody-grande-schermo-non-piccolo-freddy-mercury/

 BlacKkKlansman

Voto: 7,5/10

 

Spike Lee, dopo alcuni anni di scelte abbastanza discutibili, è tornato sulle scene con un grande film. La struttura è quella di un poliziesco ambientato negli anni ’70, lo stratagemma per dare fluidità al film quello dello humor nero, ma tutto appare incredibilmente reale. C’è una cattiveria nei personaggi che si susseguono nelle scene, una violenza – verbale e fisica – che saltuariamente fa ricordare che si sta ridendo su avvenimenti gravissimi. Ottimi gli attori, con Adam Driver in costante crescita.

 

La recensione completa: http://www.rumorifuoriscena.tv/17374-2/

 La Favorita

Voto: 7,5/10

Il film che nessuno si sarebbe aspettato di vedere, forse nemmeno quel genio di Yorhos Lanthimos: dopo averci abituato alle atmosfere tese e morbose di The Lobster e Il Sacrificio del Cervo Sacro, si lancia in in una commedia grottesca in maschera che alterna momenti di sincero divertimento a scoppi improvvisi d’ira e risentimento. Incredibile il cast: Emma Stone in un ruolo da finta ingenua che le sta a pennello, Rachel Weisz diabolica e sensuale, e una grandiosa Olivia Colman nei panni di una regina irascibile e bizzosa.

La recensione completa: http://www.rumorifuoriscena.tv/venezia75-la-favorita-yorgos-lanthimos/

 Green Book

Voto: 8/10

Per quanto ci riguarda, il grande favorito per la vittoria finale. Un film che ha tutte le carte in regola, a partire da due protagonisti perfetti: Viggo Mortensen è scatenato, non ricordiamo una sua performance così convincente da La Promessa dell’Assassino di Croneneberg; Mahershala Ali è pacato ma molto profondo, interpreta il suo ruolo con grande dignità. Il film tocca le corde giuste a livello emotivo, emoziona in modo sincero e mai “finto” quando il rischio melodramma era forte. Unico difetto? Un ritmo monocorde e poche, seppur ottime, accelerazioni.

Roma

Voto:8,5/10

Un annata incredibile per il film di Cuaròn: Leone d’Oro a Venezia, distribuzione su Netflix con grande appezzamento del pubblico, successo ai Golden Globe e parecchie nomination agli Oscar. Il tutto per un film assolutamente personale e a tratti ostico a livello formale (bianco e nero) e narrativo: segno di grande maturità da parte del pubblico, oltre che ennesima prova del talento di Alberto Barbera nel selezionare i film per il Festival di Venezia.

La recensione completa: http://www.rumorifuoriscena.tv/venezia75-roma-alfonso-cuaron/

 

Road to OSCAR 2019: Gli 8 film, dal peggiore al migliore
5 (100%) 1 vote

Laureato in Economia per Arte, Cultura e Comunicazione, ha una spiccata passione per il marketing cinematografico. Cresciuto a pane e Mostra del Cinema di Venezia, ha in Roman Polanski e Woody Allen i suoi maestri. Le Serie TV sono una passione più recente, da Mindhunter a Mr.Robot

“Louis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia..”

La newsletter di RumoriFuoriScena è gratuita. Breve. Scritta da amanti del cinema per amanti del cinema.

Iscriviti alla newsletter!

Vai alla barra degli strumenti