fbpx
Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di Lettura: 4 minuti

Finalmente ci siamo, è il momento di pubblicare l’ultima sezione della nostra Guida al Catalogo Netflix del 2017. Un progetto a cui tenevamo tantissimo e che ha dato eccellenti risultati: molti hanno trovato utili i nostri consigli, per orientarsi al meglio nel mare di film tra cui scegliere. Non possiamo che andarne fieri e chiudere in bellezza ci sembra il minimo. Vi consigliamo 5 film ad alto tasso di adrenalina: che siano film di guerra, thriller mozzafiato o drammi più psicologici, hanno in comune le emozioni forti e contrastanti che provocano.

Vi annunciamo infine il nostro progetto del 2018: la Guida alle Serie TV del catalogo Netflix!

  1. Prisoners di Denis Villeneuveprisoners-image-001

    Il film che ha lanciato Denis Villeneuve nell’olimpo dei migliori registi contemporanei, poi amato grazie a Arrival e Blade Runner 2049. Per quanto ci riguarda, uno dei thriller più intensi ed efficaci degli ultimi venti anni. Cast eccezionale: oltre ai protagonisti Jake Gyllenhaal e Hugh Jackman, un grandioso e inquietante Paul Dano. Un film in cui la tensione è costruita in modo crescente, in alcuni casi grazie allo scontro verbale tra i personaggi, in altri grazie ai lunghi silenzi e alle atmosfere dark. Per molti versi ci ha ricordato Zodiac di David Fincher, altro capostipite del genere che vi consigliamo.

  2. La sottile linea rossa di Terrence Malickla-sottile-linea-rossa-10

    Forse il nostro film di guerra preferito. Attenzione, si tratta di un film di Malick, regista tra gli altri di The Tree of life e I giorni del cielo. Quindi non è di certo un film di guerra tradizionale, ma più poetico, più basato sulle emozioni e su un’analisi filosofica. Pochi colpi sparati dunque, eppure è impossibile staccare gli occhi dallo schermo. Se avete adorato Dunkirk, come è stato per noi, non potete non aver colto alcuni riferimenti o quantomeno alcune somiglianze tra i due film. Grandissimo cast corale, con grandi star disposte a guadagnare poco o nulla pur di lavorare con uno dei cineasti più influenti del ventunesimo secolo.

  3. Sin City – Una donna per cui uccidere di Robert Rodriguezsin-city-2

    Un grande classico del cinema indipendente di Robert Rodriguez, realizzato insieme a due collaboratori di eccellenza come Quentin Tarantino e Frank Miller. Miller in particolare si può considerare a tutti gli effetti un maestro del noir, e questo film è un pò il suo testamento. Un universo nerissimo, in cui in una meravigliosa ambientazione urbano si muovono personaggi ancora più dark. Un film che, se avesse avuto ancor più eco di quello effettivo, avrebbe cambiato per sempre la storia del cinema. Rimane comunque qualcosa di mai visto prima, uno strano animale, un capolavoro splatter.

  4. Beasts of No Nationbeasts-of-no-nation

    Una delle prime produzioni di Netflix, presentata in anteprima a Venezia e simbolo del crescente potere delle piattaforme streaming nel mercato cinematografico. Oltre a questo, il regista Fukunaga (ci ha regalato la prima, magistrale stagione di True Detective) costruisce una storia angosciante sulla vita dei bambini-soldato. Attenzione, non un documentario, ma una storia immaginaria eppure perfettamente realistica, in cui la distruzione della guerra è filtrata ad altezza bambino. Ci ha ricordato, se siete in vena di grandi letture, Il signore delle mosche di William Goulding: un’atmosfera straniante, una violenza feroce quasi da chiudere gli occhi, tanti spunti di riflessione.

  5. The Master di Paul Thomas Andersonthe-master

    Per quanto ad oggi il termine sia molto abusato, qui siamo vicini al capolavoro. Ad essere sinceri, ogni film firmato Paul Thomas Anderson ha i requisiti per essere definito tale. The Master è la storia di un soldato traumatizzato che per caso si imbarca sulla nave di una setta filosofico-politica guidata da un leader misterioso. Joaquin Phoenix è semplicemente magistrale, da Oscar, e non è da meno il compianto Philip Seymour Hoffmann. Misterioso è anche il termine giusto per descriverne le atmosfere, quasi ambigue e a tratti dark, che lo rendono un film dalle molteplici letture. Assolutamente imperdibile, si parla di storia del cinema!

#GUIDA NETFLIX 2017: Alta Tensione
Rate this post

Laureato in Economia per Arte, Cultura e Comunicazione, ha una spiccata passione per il marketing cinematografico. Cresciuto a pane e Mostra del Cinema di Venezia, ha in Roman Polanski e Woody Allen i suoi maestri. Le Serie TV sono una passione più recente, da Mindhunter a Mr.Robot

“Louis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia..”

La newsletter di RumoriFuoriScena è gratuita. Breve. Scritta da amanti del cinema per amanti del cinema.

Iscriviti alla newsletter!

Vai alla barra degli strumenti