fbpx
Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di Lettura: 2 minuti

Nel 1989, il regista australiano Peter Weir diresse L’attimo fuggente, che diventò un fenomeno cinematografico, educativo e morale  capace di toccare la vita di milioni di persone, genitori e figli, professori e studenti.

Il film ovviamente lancio’ la carriera di Robin Williams, reduce da un’ altra memorabile interpretazione in “Good morning Vietnam”.

L’attimo fuggente non è invecchiato o passato di moda, ha messo in crisi dogmi arcaici, influenzato il pensiero comune, diffuso la libertà di espressione e la creazione di ideali e sistemi in cui credere. Ognuno, nell’interpretazione del film, ha un ruolo importantissimo: definendo la propria identità, lottando contro le avversità e vincendo le proprie paure.

Un commovente ed illuminato viaggio intellettuale e intellettivo tra un professore allergico a vecchie e severe tradizioni e una classe di giovani presi per mano, scossi, portati alla vera conoscenza ed esaltazione delle proprie qualità. Siamo alla fine degli anni ’50, ma un sistema educativo arcaico e dittatoriale ha il sopravvento sulla libertà di pensiero, sulle emozioni e sull’istinto dei singoli.

La figura del professor Keating, interpretato da un immenso ed indimenticabile Robin Williams, é uno dei personaggi cinematografici più osannati ed amati, un maestro di vita, esaltatore del valore da dare al tempo a nostra disposizione. Cogliere l’ attimo prima che sia troppo tardi, vivere ogni istante così come viene, perché non ne avremo mai uno uguale.

Un entusiasmo folle, anarchico, un fiume in piena di pensieri e parole. Un film che risalta il valore della vera amicizia, del potere del dialogo e dell’ ascolto, del confronto, che ha sempre impaurito la maggior parte di tutti noi. Chi osa sognando è davvero libero: è da sempre così e così sarà per sempre.

 

 

 

Trent’anni fa, un cult indiscusso: L’attimo fuggente
5 (100%) 2 votes
Andrea Lo Gioco

Come si può descrivere pienamente qualcosa che si ama? È difficile quasi impossibile , ma l’amore di Andrea  per i film e la sala cinematografica non conoscerà mai la parola fine. Adora ogni genere di film, considera Spielberg e Kubrick due cavalieri Jedi della storia del cinema. Film preferiti: Duel, Rapina a mano armata, Qualcuno volò sul nido del cuculo

“Louis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia..”

La newsletter di RumoriFuoriScena è gratuita. Breve. Scritta da amanti del cinema per amanti del cinema.

Iscriviti alla newsletter!

Vai alla barra degli strumenti